Chi siamo

Ant.er.lux, nuovo soggetto aretino nel panorama della cooperazione internazionale, è un’associazione che nasce con l’intento di sostenere il processo di crescita dei paesi in via di sviluppo e il consolidamento dei diritti umani attraverso lo scambio scientifico culturale.

L’impegno di Ant.er.lux è rivolto a progetti di redistribuzione che sappiano valorizzare le risorsi intellettuali ed economiche di ogni popolazione e creare gemellaggi scientifico-culturali tra i continenti per realizzare un’economia solidale.

Questi i principali obiettivi di un’associazione nata dalla volontà e dalla tenacia di Ersilia Ferrini e Luana Ghiandai e forte di una promotrice culturale di lucida razionalità come Antonietta Potente.

il primo progetto di cui Ant.er.lux si è fatta promotrice è “Gli amici equosolidali”, una linea di prodotti naturali per animali realizzata in collaborazione con l’associazione boliviana Phytosalud, che ha raccolto alcune piante essenziali per la produzione di questi fitoterapici, e con la coperativa aretina Wipala, garante del processo commerciale.

A seguire i numerosi eventi di dialogo con il mondo culturale e politico e la stesura di numerose opere dettate dalla forza mistica della teologa Atonietta Potente.

Protagonisti e collaboratori dell’associazione:

  • Ersilia Ferrini, presidente dell’ Ant.er.lux;
  • Antonietta potente, scrittrice e teologa, da anni impiegata con la cooperazione con la Bolivia.
  • Daria Tacachiri Villica, giovane infermiera boliviana impegnata nella formazione dell’associazione phytosalud;
  • Maria Eleonora Benini, project manager, responsabile del fundraising,  dell’organizzazione degli eventi e coordinamento dei due progetti in Kenya e in Bolivia sia nella parte nazionale che estera;
  • Carlo Simonetti, direttore della coperativa Wipala ed Alessandro Ciorba, medico veterinario e docente universitario presso l’università degli studi di Perugia.

I risultati:

  • Riduzione della mortalità, soprattutto infantile.
  • Scambio scientifico e occupazione sicura.
  • Valorizzazione del patrimonio fitoterapico e delle biodiversità.
  • Scambio interculturale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *